FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE   Comune di San Demetrio Corone (CS)

| Index | Amministrazione Comunale | Associazione Culturale Festival della Canzone Arbėreshe | Comitato Organizzatore | Direzione Artistica | Spazio Artisti | Il Festival nella Storia | Albo d' oro | Ultima Edizione | Regolamento | News | Rassegna Stampa | Archivio | Arbitalia | Arberia.it | San Demetrio Corone |

FestivalArbėresh

RASSEGNA STAMPA 2001

20° FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE

da "La Provincia"  Agosto 2001

EGERT PANO AL XX FESTIVAL DELLA CANZONE ARBĖRESH

L’albanese, perfettamente integrato nel nuovo tessuto sociale

SPEZZANO ALBANESE - Si č tenuto lo scorso 18 agosto a San Demetrio Corone, l’ormai tradizionale appuntamento del festival della canzone arbėreshe giunto alla sua XX edizione. La manifestazione canora č diventata ormai un appuntamento stabile nel panorama delle attivitą estive di San Demetrio. Anche quest’anno la gara ha avuto un grande successo di pubblico e di critica.

In tutti questi anni il festival della canzone arbėreshe di San Demetrio Corone, ha rappresentato un indubbio valore sia dal punto di vista della conservazione e della diffusione della cultura minoritaria di cui sono portatrici le comunitą albanofone, sia dal punto di vista strettamente musicale in quanto ha determinato la nascita e l’affermazione di un genere prima inesistente, la canzone arbėreshe appunto, considerato che l’unico tipo di espressione canora delle popolazioni arbėreshe, erano i “viersha” storici che si tramandavano oralmente di generazione in generazione e il cui contenuto e metro musicale erano rigidamente fissati dalla tradizione.

Nel corso della manifestazione, č inoltre facile constatare – e questo rappresenta un’altra caratteristica dell’appuntamento canoro – come il festival funga da luogo e momento di aggregazione per i convenuti dai vari paesi albanesi, che si ritrovano come in una grande agorą che facilita lo scambio di opinioni, di relazioni umane e culturali, che sono poi l’essenza dell’”albanesitą” intesa appunto come appartenenza di un popolo ad una diaspora fuori da ogni luogo e da ogni tempo che in maniera pervicace, dopo cinque secoli, continua a preservare con tutti i mezzi un’identitą storica, culturale, religiosa e linguistica che non ha purtroppo trovato l’agognato ricongiungimento con i “fratelli albanesi”.

Le canzoni finaliste quest’anno erano in tutto quattordici, in rappresentanza di molte comunitą albanofone della provincia cosentina, fra cui Spezzano Albanese, San Benedetto Ullano, San Demetrio Corone, Plataci, Lungro, mentre non sono mancate le voci di Ururi e Portocannone della provincia di Campobasso, due delle pił distanti. Spezzano Albanese, oltre ad essere rappresentata come sempre dai fratelli Scaravaglione, un trio ormai ben noto e collaudato nel panorama della musica etnica arbėreshe, quest’anno aveva un motivo in pił per interessarsi del festival, da ricercare nella decima canzone in gara interpretata dal giovanissimo Egert Pano.

Egert Pano, anche per il fatto che poi ha meritatamente conquistato la piazza d’onore, dietro al gruppo vincitore «Vuxet Arbėreshe» col brano «donja se kio kėngė», era da considerare la vera grande novitą di questa XX edizione. Novitą consistente nel fatto che il giovane cantautore č sģ un figlio della diaspora, ma non di quella sfuggita cinque secoli fa davanti all’invasore turco ma di quella attuale che č sfuggita, dopo il crollo delle ideologie, alla fame, alla miseria e allo sfacelo economico, civile e sociale della madrepatria, affidando assieme al padre Piro Pano le residue speranze di riscatto ad una terra che gią in passato si era mostrata generosa con una progenie su cui si č sempre accanita la storia.

Egert, in sostanza, č uno di quelli che oggi vengono individuati come “extracomunitari”, che fra gli arbėresh di Spezzano Albanese, ha saputo ricrearsi un habitat e probabilmente un avvenire, integrandosi a tal punto da divenire un autentico arbėresh, capace di cantare la sua storia col brano «Jam kėtu», con lo stesso patos che da sempre pervade i suoi nuovi concittadini.

Nei versi della sua canzone ritroviamo intatto nell’esule di oggi, tutto il dramma dei profughi della diaspora storica: «Ho trovato qui / il calore e l’amore della gente / semplice della mia stirpe / di quelli che da secoli, come me, / giunsero qui con la speranza / di trovare una vita migliore».

Ed Egert innalza il suo canto, in tutto e per tutto paragonabile al «Moj ebukura Morče» quando lancia il suo «Albania dove sei? / ti penso ogni giorno / con amore e nostalgia / Patria mia, mi manchi / e molto presto verrņ da te, Arbėria».

La nostalgia per la Patria accomuna il profugo di oggi ai profughi di ieri e in suo nome si compie quel rito dell’accoglienza e dell’integrazione che ritrova nel legame di sangue e nella comune sventura gli elementi universali di una diaspora senza tempo.

Egert, in sostanza, ha fermato il tempo. Si č trasformato da albanese in arbėresh, comprimendo cinque secoli nello spazio di cinque anni e dando pił di una lezione a quei tanti che nutrono ancora qualche dubbio sulla potenza e la capacitą della cultura albanese e arbėresh di sfidare ancora per molti secoli la storia, facendo della diaspora un punto di forza ed una riserva di energia culturale, morale e civile, a cui attingere ovunque e sempre.

Raffaele Fera.