FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE   Comune di San Demetrio Corone (CS)

| Index | Amministrazione Comunale | Associazione Culturale Festival della Canzone Arbėreshe | Comitato Organizzatore | Direzione Artistica | Spazio Artisti | Il Festival nella Storia | Albo d' oro | Ultima Edizione | Regolamento | News | Rassegna Stampa | Archivio | Arbitalia | Arberia.it | San Demetrio Corone |

FestivalArbėresh

RASSEGNA STAMPA 2005

24° FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE

“Pa tij – Senza te” interpretata da Debora Baffa e Andrea Di Lucente č la canzone regina del XXV Festival della Canzone Arbereshe, svoltosi sabato sera a San Demetrio Corone

FESTIVAL DELLA CANZONE ARBĖRESHE:

VITTORIA PER DEBORA BAFFA E ANDREA DI LUCENTE

“Pa tij – Senza te” interpretata da Debora Baffa e Andrea Di Lucente č la canzone regina del XXV Festival della Canzone Arbėreshe (punti 181), svoltosi sabato sera a San Demetrio Corone. Si tratta di un sottile e nostalgico brano d’amore scritto e musicato da Andrea Guaglianone. Arrangiamenti musicali Edgert Pano.

Al secondo posto una canzone dedicata ad Amina, lapidata a Gazan (Afghanistan) per un amore clandestino, presentata al pubblico da Vicky Macrģ e Adriana Ponte (punti 153). Testo e musica di Angelo Pagliaro, arrangiamenti musicali Luigi Sansņ, Roberto Cannizzaro, Franco Iannuzzi, chitarra elettrica Antonio Giraldi, chitarra classica Mario Gullo. Terzo posto, invece, per Michele Baffa, Giuseppe Baffa e Anna Maria Viteritti “Tė mirat e zėmėres – I beni del cuore (punti 152).

Il premio della critica, istituito sette anni fa per ricordare il patron del Festival  Avv. Giuseppe D’Amico, č stato assegnato ex-aequo alle canzoni Amina (V. Macrģ – A. Ponte) e Shqiponjat e Arbėrise – Le aquile dell’Arberia, cantata da Pino Cacozza ed Ernesto Iannuzzi con la collaborazione del gruppo etnico Shqiponjat e la coreografia di Renis Kaceli.

Le canzoni premiate sono state scelte fra le quindici in gara -pervenute da pił parti- da una giuria popolare rappresentativa di tutte le comunitą arbėreshe, appositamente nominata dal Comitato organizzatore della manifestazione. In attesa del responso finale, spazio anche alla musica grecanica con il gruppo Ghetonia di Calimera in provincia di Lecce. Si č rinnovato cosģ il tradizionale confronto con altre minoranze etniche presenti nel territorio italiano. Nelle passate edizioni, infatti, il Festival aveva ospitato rappresentanze canore friulane, occitane e slovene.

Sono stati assegnati i seguenti premi in denaro: canzone prima classificata € 1.500; canzone seconda classificata € 750; canzone terza classificata € 500. Per il premio della critica “G. D’Amico”, invece, due dipinti realizzati dall’ artista Francesco Basile. Uno offerto dalla famiglia d’Amico e l’altro dallo stesso autore.

Nel corso della serata l’Amministrazione comunale e l’Associazione Festival hanno inteso ricordare il compianto assessore Giuseppino Sica, recentemente scomparso, consegnando alla famiglia una targa in sua  memoria, a testimonianza del suo impegno continuo a favore della collettivitą e della sua passione per il Festival della Canzone Arbėreshe.

La suggestiva scenografia del palcoscenico, inoltre, č stata realizzata per omaggiare un altro personaggio recentemente scomparso:  Ibrahim Kodra, artista famoso di origine albanese.

Con un ulteriore successo di pubblico e di critica č calato, quindi, il sipario sulla venticinquesima edizione Festival della Canzone Arbėreshe.

Il concorso canoro di motivi inediti in lingua arbėreshe e/o shqipe, organizzato dalla locale Amministrazione comunale e dall’ apposita Associazione culturale per portare alla ribalta le nuove proposte musicali italo-albanesi, si č avvalso  del  contributo della Comunitą Europea, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, della Banca Carime e di alcuni sponsor privati (Matranga Vetro SAS –De Paola materiale da costruzione - Mario Conforti e f.lli s.n.c).

Un evento canoro straordinario che dal 1980, anno di nascita della manifestazione ha visto la numerosa partecipazione  di cantanti, autori e musicisti provenienti da tutti i paesi arbėreshe e alcune volte dall’Albania, dal Kossovo e dalla Grecia.

L’evento č stato trasmesso in diretta da Radio Arbėreshe International e ripreso da Tele Cassano. Rammaricato  il Presidente del Club  dei giornalisti arbėreshė Dott. Francesco Baffa sulla mancata presenza della RAI.

GENNARO DE CICCO

Foto di Franco Ponte